Cerca
  • Rotary Club Varazze

QUEL TAPPETO MAGICO -Stella










Iniziativa pilota in Liguria della Croce Rossa di Stella in collaborazione con le Direzioni didattiche e il Rotary Club Varazze Riviera del Beigua

Quel tappeto “magico” per imparare giocando il rispetto delle regole in strada

Il corso è rivolto ai giovanissimi pedoni, in seguito scooteristi e automobilisti, ai quali sarà consegnato un patentino finale

Saranno 320 in tutto le bambine, i bambini, le ragazze e i ragazzi dai 5 ai 14 anni, suddivisi tra materna, primaria e secondaria a impegnarsi in un inedito corso di educazione stradale denominato “maestri della strada” promosso e organizzato dal Comitato di Stella della Croce Rossa Italiana con la partecipazione della CRI di Sassello, con il sostegno delle Direzioni didattiche dell’Istituto Comprensivo di Sassello e Stella, ed il contributo del Rotary Club Varazze Riviera del Beigua. Ad avviare questo gruppo di allievi delle scuole a comportamenti corretti nelle aree pubbliche con traffico veicolare, saranno quattro Volontari CRI, i quali si alterneranno alla “guida” dei corsisti.

“Il senso dell’iniziativa – dicono i volontari coinvolti – è avvicinare i ragazzi al rispetto delle regole per evitare i rischi della strada, soffermandoci pure sugli effetti devastanti dell’uso di alcol alla guida di qualsiasi veicolo. Troppi sono gli incidenti, spesso anche molto gravi, ai quali quotidianamente assistiamo come soccorritori e come cittadini. Insomma: vogliamo fare prevenzione tra i più giovani”.

Strumento fondamentale per il corso sarà un grande tappeto calpestabile, di dimensioni di circa 35 metri quadrati, sul quale sono raffigurati diversi percorsi stradali da affrontare, tra cartellonistica, divieti e indicazioni varie; i ragazzi potranno percorrere le strade riprodotte sul calpestabile e applicare le regole illustrate durante il corso. Il tappeto “magico” ideato dalla ditta Ideali srl è stato donato alla CRI dagli esponenti del Rotary Varazze Riviera del Beigua, durante una cerimonia svoltasi sabato 19 marzo, al Circolo Anspi di Stella San Giovanni.

Come catturare l’attenzione di tanti ragazzi?

“Ma giocando, naturalmente – rispondono senza esitare i volontari -. Fare le cose con lo spirito del gioco, significa apprendere con facilità e continuare con interesse. E alla fine il messaggio del rispetto delle regole, diventa quello generale del rispetto per gli altri”.

I primi corsi si svolgeranno il 7 aprile con i ragazzi di Stella e il 12 aprile a Sassello. Sono in programma altri appuntamenti?

“Abbiamo in programma anche altre attività presso i Comitati CRI della Liguria, a partire da quelli della Provincia di Savona, nei quali avviare un periodo di formazione dei volontari, e pure di prendere parte a diverse sagre e feste popolari nel corso della prossima estate nei quali siamo già stati presenti nel passato con un etilometro, ma anche con un telo per l’educazione sanitaria. Anche qui sempre con lo spirito del gioco rivolto agli adulti”.

Torniamo agli scolari e studenti. Sarà prevista una verifica finale sul reale apprendimento da parte degli allievi delle principali regole di comportamento sulle strade?

“In base alla nostra preparazione – rispondono i volontariCRI – abbiamo il compito di rilevare le reazioni dei giovani di fronte ai temi del corso, e anche di osservare il loro grado di preparazione raggiunto. E alla fine, sempre in collaborazione con il Rotary Varazze Riviera del Beigua, consegneremo loro un vero e proprio patentino personale di frequenza”.

Croce Rossa Italiana Comitato di Stella e Rotary Varazze Riviera del Beigua collaboreranno ancora in altri progetti quali “Non è mai troppo presto 2.0” che prevede di avvicinare i giovani del comprensorio di Stella e Sassello al numero unico 112, alla gestione delle piccole emergenze e familiarizzazione con l’ambulanza ed il massaggio cardiaco.

Da sinistra: Giancarlo Pedrazzi (Presidente CRI Stella), Alberto Agnese (consigliere Rotary Club Varazze Riviera del Beigua), Andrea Castellini (Sindaco Stella); Alberto Baldi (Assessore Scuola Stella)

Alcuni momenti della simulazione con alcuni bambini presenti


Inotroduzione da parte di Elias Pau, uno dei volontari CRI Stella



Renato Palermo volontario CRI Stella che spiega l’utilizzo degli occhiali che simulano la visione in stato di ebbrezza



Alcuni dettagli del calpestabile educativo



2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti